Gli auguri su Facebook: cinque abitudini che potrebbero rovinare il compleanno

Ecco quali sono i messaggi di auguri di compleanno più fastidiosi

Da qualche anno a questa parte, fare gli auguri di compleanno attraverso Facebook è diventata una moda.

L’aspetto positivo può essere quello di ricevere molti più auguri, ci sono persone che prendono il fare gli auguri agli amici come un lavoro e tutte le sere alle 24:01 si occupano di questo. Come in tutte le altre cose, su questa abitudine ci sono però purtroppo vari aspetti negativi:

Gli auguri degli ex

Il giorno del compleanno gli ex sono il terrore di tutti. Quale occasione migliore può avere un ex per ritornare all’attacco? C’è anche chi, solo per disturbare la propria o il proprio ex felicemente impegnato, appella il festeggiato con nomignoli nostalgici.

Gli auguri in chat

Molti si dimenticano che il compleanno di una persona non significa giorno di ferie. Quelli che si vogliono distinguere dalla massa inviano messaggi privati a chi compie gli anni e pretendono di chattare per ore. Il festeggiato si troverà in chat al lavoro mentre 20 o più persone gli inviano messaggi nella chat di Facebook… Decisamente fastidioso.

I simpaticoni

Il simpaticone fa gli auguri taggando il festeggiato in foto impresentabili, generando commenti e discussioni che si sarebbero potute evitare… Se avessimo voluto pubblicare quella foto lo avremmo fatto direttamente noi, no?

Gli scrocconi

Per gli scrocconi ogni occasione è buona per riuscire ad ottenere qualcosa gratis. Negli auguri di Facebook lo scroccone chiede se il festeggiato ha intenzione di offrire per l’evento, elemosinando qualsiasi cosa, anche un semplice caffè.

I ringraziamenti

Un problema da non sottovalutare sono i ringraziamenti, come ringraziare 400 o più amici che ci hanno fatto gli auguri? Molti passano il giorno del compleanno a ringraziare tutti uno ad uno, forse meglio un discorso di ringraziamento strappa lacrime finale diretto a tutti sulla propria bacheca, no?

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *