Categorie Moda

Non solo glamour: 6 cose che non sai delle Fashion Week viste da chi ci lavora

Le settimane della moda non sono solo bei vestiti e riflettori, almeno per chi lavora dietro le quinte

La settimana della moda, che sia a New York, Milano o Parigi, è un evento spettacolare, che affascina tutti, anche i non addetti ai lavori e chi con la moda ha ben poco a che fare. Ma dietro alle passerelle, ai lustrini e alle modelle sempre perfette, cosa si nasconde? Vissuta dall’interno, la kermesse è tutt’altro che esaltante in alcuni momenti.

Non sono tutti star

Per chi lavora dietro le quinte, il viavai di persone, i fotografi e tutti gli appassionati che seguono con ansia l’evento, inondando i social network di foto e commenti, non sono altro che un contorno, magari variopinto, ma non certo esaltante per chi, con sforzo immane, deve tenere le fila e far sì che tutto proceda per il meglio. Se ti è capitato di invidiare le giovani leve all’opera, tra quintali di abiti e modelle capricciose, beh, pensa solo che devono svegliarsi alle 6 del mattino, imbottirsi di caffè e muoversi di buona lena senza la prospettiva di un pasto decente per tutto il giorno.

Il mal di piedi

Ore e ore in piedi, corse per le scale e in metropolitana per riuscire a portare quella montagna di scarpe al punto giusto e nell’ora richiesta. Hai una vaga idea di cosa voglia dire questo per i poveri piedi? Un dramma, confermato dal fatto che mentre sono circondate da stangone di 1,80 mt con tacchi vertiginosi, le lavoratrici della moda se ne stanno rasoterra, indossando delle comode, ma decisamente poco glamour, flats quando non delle scarpe da ginnastica.

Mai senza batteria di scorta

Nel caos della settimana della moda, tenersi in comunicazione con il resto del team è fondamentale. Mentre tu magari ti lamenti perché il tuo smartphone non arriva fino a sera, loro sono costrette a dotarsi di almeno un paio di batterie supplementari, da ricaricare alternativamente durante il giorno. Una telefonata continua insomma.

L’assedio delle blogger

Quelle che tu segui con piacere per aggiornarti sulle ultime novità fashion, sono a volte l’incubo degli addetti ai lavori. Le fashion blogger sono sempre costantemente tra i piedi in cerca di scoop e si riconoscono subito dalla tenuta d’ordinanza: abito elegante da gala o occhialoni modaioli e strambi alla Lady Gaga.

È un lavoro

Affermazione forse scontata, ma con un suo perché: la Fashion Week per qualcuno è un lavoro, forse particolare, ma non diverso sotto alcuni aspetti da quello che tutte noi facciamo. Ci si alza presto, si prende il treno stipati come sardine e alla sera si torna a casa pensando solo alla fame e al sonno. Nulla di diverso dai pendolari che vedi ogni mattina, con l’aggravante che, sul posto di lavoro, loro non hanno praticamente pause e sono privati dello spazio personale anche una volta scesi dal treno, tanto è l’affollamento del dietro le quinte.

Sempre le stesse facce

Non è proprio un lato negativo, ma di certo è un altro aspetto ben poco glamour e incredibilmente normale. Anche ad eventi del genere, puoi scordarti l’effetto novità, perché ci si conosce un po’ tutti dopo qualche tempo, come in qualsiasi ufficio o azienda.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *