Categorie Make up

Tendenze make up: strobing e baking, l’evoluzione del contouring

Dopo il contouring, ecco altre due tecniche di make up ideali per realizzare un trucco del viso perfetto. Vediamo in cosa consistono e come si effettuano

Se siete delle esperte di trucco e vedete il contouring come tecnica di trucco già superata, ce ne sono altre due considerate le ultime tendenze nel mondo del make up. Una tecnica si chiama strobing, la quale nasce con la stessa finalità del contouring, cioè quella di definire meglio e valorizzare i tratti del viso. Tuttavia, mentre col contouring si gioca sui chiaroscuri, lo strobing è finalizzato a illuminare determinati punti del viso. Infatti, il termine strobing prende il suo significato proprio dal funzionamento della luce stroboscopica, con i suoi flash di luce.

Per questa tecnica bisogna prima di tutto creare una base omogenea, con primer e fondotinta coprenti; successivamente è necessario applicare, in alcuni punti strategici del viso, un blush illuminante, in crema o in gel. Ad esempio, per accentuare la fronte si applica il blush sulla parte bassa di essa, tra le sopracciglia, e si continua lungo la linea centrale del naso, ideale a farlo sembrare più piccolo. Per valorizzare le gote, bisogna mettere l’illuminante sulla parte alta degli zigomi; infine, per far sembrare le labbra più grandi, si applica dell’illuminante sull’arco di cupido e sul mento. Ovviamente per completare questo trucco dall’effetto bagnato, bisogna applicare del gloss extra lucido sulle labbra.

Questa tecnica ha i suoi pro, soprattutto se si ha una pelle liscia, senza imperfezioni e di un bel colorito, poiché lo strobing, se effettuato su una pelle grassa con i pori dilatati, non sarebbe valorizzante per il viso. Oltretutto, lo strobing è da evitare quando fa troppo caldo: la tenuta è compromessa dal calore e il make up tenderebbe a sciogliersi.

Diverso è il baking, altra nuova tecnica di make up per il viso, il cui nome deriva dal verbo “to bake”, che significa “indurirsi”, ed è un metodo ideale per fissare il trucco. Protagonista assoluta è la cipria, che viene applicata con una spugnetta umida, ovviamente dopo aver preparato la base del viso con primer, fondotinta e correttore. La cipria si applica sotto gli occhi, sotto gli zigomi e sulla linea immaginaria che collega il mento alla fronte, passando per il naso.

È necessario lasciare “agire” la cipria per un tempo compreso tra i 5 e i 10 minuti, dopodiché bisogna togliere via l’eccesso con un pennello pulito, in maniera molto delicata, in questo modo si ottiene un ottimo fissaggio del trucco. Se è vero che con questa tecnica il make up è fissato alla perfezione, è anche vero che il trucco risulta essere molto pesante e sicuramente non donerà un effetto naturale. Inoltre, questo tipo di make up tende ad accentuare quei piccoli segni che con l’età si formano intorno agli occhi.

Ora che vi abbiamo fatto una piccola panoramica delle ultime tendenze sul make up del viso, è tempo di provarle e di farci sapere qual è la migliore secondo voi.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *