Milano Fashion Week: secondo giorno

Tra Fendi e Max Mara, Jeremy Scott per Moschino stupisce in questo secondo giorno di settimana della moda milanese

La settimana sella moda milanese è in corso, scopriamo quali sono state le proposte per la moda della Primavera Estate 2016 dei migliori stilisti, in questo secondo giorno di Milan Fashion Week.

Mercoledì sera, primo giorno di Fashion Week milanese, si è svolta l’attesissima sfilata di Philip Plein, che ha presentato una collezione dove il punk fa da padrone: il nero domina incontrastato insieme a riflessi metallici lamé silver e borchie. Una linea molto rock-glam quella di Plein, con le t-shirt con stampe di rock band e hot pants, contrastati dalle maxi gonne in tulle e di piume per un meraviglioso effetto cigno nero.

philip-plein-sfilata

Tra le grandi firme che hanno sfilato nella seconda giornata di Fashion Week troviamo Max Mara, che per la Primavera Estate 2016 propone un’eleganza che si ispira al look dei marinai. Tante righe, tanto rosso, tanto nero e tanto bianco per abiti lunghi, pantaloni a vita alta e giacche sartoriali.

max-mara-sfilata

Karl Lagerfeld propone per Fendi una collezione che punta alla sartorialità. Il rosso predomina in quasi tutta la collezione, dalla tonalità aragosta al rouge noir, che si alterna al bianco in abiti dal tagli sartoriale e dalla manifattura artigianale, le cui lunghezze passano dal mini al maxi.

fendi-sfilata

Attesissimo lo show di Moschino, che si è svolto alle ore 20. Jeremy Scott anche quest’anno stupisce e, dopo la collezione a tema fast food e le barbie girl dell’anno scorso, quest’anno allestisce la location in modalità lavori in corso. La passerella è una lunga strada con tanto di linea tratteggiata, con coni e cartelli stradali ai lati. Lo stile cambia più volte sulla passerella di Moschino, dove iniziano a sfilare modelle che indossano tailleur vintage e bon ton, in tonalità fluo dell’arancione e del giallo. Sugli abiti sono presenti delle strisce che emulano le pettorine degli addetti ai lavori stradali.

moschino-sfilata-uno

moschino-sfilata-quattro

Uno show quello di Jeremy Scott che lascia senza fiato, che cambia nel corso dello spettacolo stesso, come l’attivazione dei rulli del car wash posti sulla passerella, da cui le modelle escono indossando abiti e costumi da bagno interi a stampa fumettistica, e dopo i Looney Tunes, quest’anno tocca alle Superchicche.

moschino-sfilata-tre

Ma non solo, tra mille bolle di sapone sparate sulla passerella, spuntano modelle che indossano abiti e accessori ispirati dalle confezioni dei detersivi, i quali portano il nome di “Fresh Couture”.

moschino-sfilata-due

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *