Pausa pranzo: come coniugare gusto e salute

Panino, pizza, sushi, insalata: come si combina un pasto salutare con la somma equivalente ad un buono pasto, mantenendo la linea

Sempre di corsa, le donne che lavorano, molto spesso liquidano il pranzo con un panino veloce davanti al computer o con uno snack preso al distributore automatico. Non c’è nulla di più sbagliato poiché il nostro organismo, per funzionare al meglio, ha bisogno di un pasto completo e leggero, che apporti tutti i nutrienti fondamentali senza appesantire la digestione e provocare quel senso di sonnolenza che certo non aiuta ad essere efficienti per tutto il pomeriggio. Vediamo le migliori combinazioni per coniugare gusto e salute.

Se porti il pranzo da casa

Portare la “schiscetta” preparata a casa è un modo per essere più sicuri di quello che si mangerà, dato che viene preparato da noi con ingredienti di qualità, e per risparmiare un po’, che oggigiorno non guasta mai. L’ideale è prepararsi un’insalata mista (da condire al momento di mangiarla mi raccomando), arricchita con ceci e qualche noce, da accompagnare ad un panino integrale. Durante il pasto bevete acqua minerale e concludete con un frutto di stagione. Le verdure forniscono vitamine e sali minerali, i ceci contengono amminoacidi che, combinati con quelli del pane, vanno a formare proteine complete essenziali per il nostro benessere, mentre le noci forniscono grassi insaturi benefici per abbassare il colesterolo cattivo.

Se pranzi al sushi bar

Se avete una passione per i ristoranti giapponesi, scegliete di aprire il pranzo con una zuppa di miso, che reidrata il corpo e prepara lo stomaco alla secrezione dei succhi gastrici per una buona digestione. Optate poi per del sashimi, ricco di proteine e iodio, utile per il corretto funzionamento della tiroide, da accompagnare al gohan, il classico riso in bianco che fa da contorno a molti piatti giapponesi, fonte di carboidrati complessi che rilasciano energia nel tempo. Concludete il pasto con un frutto che vi fornirà vitamine e bevete acqua o, al massimo, una bibita light.

Se pranzi in pizzeria

La pizza è un alimento completo che contiene carboidrati (nella base), proteine (il formaggio ed eventuali altre aggiunte alla farcitura, ad esempio il prosciutto) e grassi (l’olio d’oliva del condimento). Sceglietela con le verdure, oppure accompagnatela ad un’insalata verde, e concludete il pasto con un frutto per fare il pieno di vitamine e minerali. Cercate di bere acqua minerale o, se proprio non resistete ad una bibita, sceglietela ancora una volta light.

Se pranzi al bar

Se pranzate al bar potete optare per un panino semplice, imbottito con una fonte proteica (prosciutto, bresaola, affettato di tacchino, mozzarella, etc.) e della verdura. Evitate invece tutte le salse, che non faranno altro che appesantire la vostra digestione. Altra scelta ottimale è un’insalatona, a patto che non contenga più di una fonte proteica: per intenderci solo tonno, solo mozzarella oppure solo petto di pollo, altrimenti diventa una scelta tutt’altro che light; l’insalata deve essere accompagnata con un panino, per completare il pasto con i carboidrati necessari. Bevete acqua naturale e concludete il pasto con un frutto.

Se pranzi in mensa

Quando pranzate in mensa potete scegliere un primo poco condito, meglio ancora se scegliete una zuppa o un passato di verdure, a cui potete aggiungere un secondo semplice e un contorno di verdure crude o cotte. Se per voi un pasto completo risulta eccessivo, potete optare per un piatto unico, per assicurarvi tutti i nutrienti necessari per essere efficienti anche al ritorno in ufficio. Concludete il pasto con un frutto di stagione o uno yogurt magro e cercate di evitare le macedonie a cui, nella maggior parte dei casi, viene aggiunto zucchero.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *