Esame universitario? Niente paura, ecco come sconfiggere l’ansia

Molto spesso, davanti ad un esame universitario siamo tutte un po' agitate, non sapendo che potremmo comprometterne il risultato. Ecco i metodi migliori per sconfiggere l'ansia

Quando bisogna affrontare una situazione importante come un colloquio o un esame universitario, avere un pizzico di paura è normale, ma se questa tremarella diventa vera e propria ansia si rischia di andare nel panico più totale e di compromettere seriamente l’esito dell’esame.

Gli esperti dicono che ci sono due tipi di ansia: quella funzionale, che si attiva per segnalare possibili pericoli e che ci è stata fornita dalla natura per la nostra sopravvivenza, e quella immotivata, che viene scatenata da pericoli non reali e che si manifesta con sintomi più violenti, le quali, con il passare del tempo, possono sfociare in veri e propri attacchi di panico. L’ansia pre esame è un tipo particolare di ansia da prestazione e nasce in tutte quelle situazioni in cui ci sentiamo esposti al giudizio altrui, indipendentemente dalla nostra preparazione; chi ne soffre è convinto che durante l’esame universitario, più che quanto abbia studiato, vengano valutate le sue capacità personali e la sua intelligenza. Lo studente è ossessionato dal risultato e irrazionalmente fa dipendere la sua autostima da quest’ultimo, immaginando che se fallirà perderà per sempre la stima di chiunque.

Per sconfiggere l’ansia dell’esame universitario si possono utilizzare dei rimedi che agiscono sul piano fisico e psicologico. Nei giorni precedenti all’esame è consigliato alternare momenti di studio a momenti di svago e fare attività fisica; anche studiare in gruppo può essere un’ottima idea per confrontarsi con gli altri e diminuire l’ansia. Il giorno dell’esame evita di arrivare in condizioni fisiche non buone: non digiunare e soprattutto cerca di dormire la notte, la tua performance non potrà che risentirne positivamente. Inoltre, cerca di arrivare all’esame ben preparato ed evita i ripassi dell’ultimo momento, ti causerebbero solo confusione e aumenterebbero l’ansia. Fatti accompagnare da un amico fidato che ti eviti fughe dell’ultimo minuto e, se si tratta di un esame orale, anche parlare della tua ansia col professore può esserti d’aiuto per calmarti. Fai un respiro profondo prima di rispondere alle domande e tieni presente che se anche non dovesse andare bene non è la fine del mondo; può essere che la prova sia effettivamente difficile, e poi ricorda che puoi sempre presentarti al prossimo appello. Infine, cerca di pensare sempre positivo e non dimenticare che il voto viene dato unicamente rispetto alla performance e non rispetto alla persona.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *