Festa dei nonni: come nasce e perché celebrarla

Il 2 ottobre è la giornata dedicata ai nonni e alle nonne per celebrare la loro importanza nella famiglia e nella società

Il 2 ottobre è la festa dei nonni: a istituirla è stata la legge numero 159 del 2005 che spiega come tale festa voglia essere un momento per celebrare l’importanza del ruolo svolto dai nonni all’interno delle famiglie e della società in generale. Il nome ufficiale di questa ricorrenza in Italia è, stando alla lettera della legge, Festa nazionale dei nonni; la data scelta, il 2 ottobre, è quella in cui si celebrano anche gli Angeli custodi (secondo il calendario della chiesa cattolica) e, senza dubbio, i nonni sono degli Angeli custodi molto speciali. Il fiore ufficiale della festa dei nonni in Italia è il Non ti scordar di me e il significato è duplice: da un lato i nipoti chiedono ai nonni di non dimenticarsi di loro e dall’altro i nipoti sono invitati a non dimenticarsi dei loro nonni, soprattutto quando sono tanto anziani e malati.

Le origini

La festa dei nonni non è una celebrazione soltanto italiana: a pensare per prima alla necessità di festeggiare queste figure così importanti è stata Marian McQuade, del West Virginia che, con i suoi quaranta nipoti, iniziò a lavorare per l’istituzione di questa festa nel 1970. Fu però nel 1978, mentre era presidente Jimmy Carter, che la festa venne ufficialmente introdotta negli USA e fissata nel calendario per la prima domenica di settembre dopo il Labor Day. Altri Paesi del mondo celebrano i nonni in date diverse: nel Regno Unito si festeggiano i nonni la prima domenica di ottobre, in Canada il 25 ottobre, mentre in Francia le feste sono due: quella della nonna cade la prima domenica di marzo, mentre quella del nonno si celebra la prima domenica di ottobre.

Come celebrare la festa dei nonni

Il modo più bello per celebrare la festa dei nonni, oltre a fargli un bel regalo, è trascorrere del tempo con loro, specialmente se sono molto anziani e hanno qualche acciacco dovuto all’età. Parlare e, soprattutto, ascoltarli è il più grande regalo che si possa fare considerando che, troppo spesso, ci mostriamo indifferenti ai loro racconti o ai tentativi di darci insegnamenti di vita. Per chi vuole festeggiare in grande, si può organizzare una cena ufficiale: tutti i nipoti e le nipoti possono accordarsi per invitare i nonni al ristorante e offrire loro la cena o, in alternativa, preparare il pasto in casa, magari scegliendo di seguire per l’occasione proprio le classiche ricette della nonna che, oltre ad essere sempre buone, sono spesso motivo di vanto per l’autrice.

Se, purtroppo, non avete più i nonni, potete comunque scegliere di celebrare questa festa occupandovi degli anziani soli che abitano nelle vicinanze o recandovi in una casa di riposo a far compagnia per un po’ agli ospiti e sostituendovi ai loro familiari lontani o troppo indaffarati per raggiungerli: anche loro, probabilmente, sono nonni e non dovrebbero stare soli, specialmente in un giorno di festa che li vorrebbe giustamente al centro dell’attenzione. Un gesto questo che, pur costando davvero poca fatica, sarà per loro molto importante e a voi lascerà un ricordo prezioso da custodire.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *