Weekend a Firenze, i luoghi “magici” da non perdere

I luoghi da non perdere nella città di Dante, per un weekend magico e anche un po' romantico

A Firenze sono moltissime le cose da visitare: già una passeggiata per le vie del centro vi permetterà di respirare l’atmosfera un po’ magica che la contraddistingue e il fascino rinascimentale caratteristico del centro. Per visitarla in un solo weekend è bene avere le idee chiare: potete seguire le orme del professor Robert Lengdon in un viaggio nei segreti di un’Italia antica dell’Inferno di Dan Brown, oppure seguire la nostra mini guida. A voi la scelta.

Museo degli Uffizi

Gli Uffizi rappresentano una delle più prestigiose gallerie d’arte del mondo, con un patrimonio artistico inestimabile e immenso. Oltre alle opere esposte, infatti, negli archivi del museo ne sono conservate centinaia di altre. La Galleria è divisa in oltre quarantacinque sale e racchiude al suo interno innumerevoli capolavori, dal 1200 fino al periodo contemporaneo: all’interno di questo magnifico edificio è possibile viaggiare nel tempo, alla scoperta di un’arte unica e sensazionale, con le opere di artisti come Cimabue, Duccio da Boninsegna, Giotto, Botticelli, Leonardo, Michelangelo, Caravaggio e molti altri. I biglietti si possono prenotare sul sito web del museo, con un piccolo sovrapprezzo, oppure si possono acquistare direttamente alla Galleria, ma la probabilità di incappare in lunghe code è alta.

firenze-uffizi

Palazzo Vecchio

Centro della vita politica e civile della Firenze rinascimentale, il Palazzo Vecchio rappresenta uno dei simboli di questa città. Si tratta di un tipico palazzo civico del trecento, con una storia antica che ha visto il passaggio di signorie e proprietà differenti: è stato anche la residenza del Duca Cosimo I de’ Medici. Oggi è sede municipale, ma una buona parte è ancora adibita a museo. La visita parte dall’incantevole porticato del cortile, arrivando al Salone del Cinquecento, dove è possibile ammirare gli affreschi che descrivono le battaglie di Firenze contro Pisa e Siena. Il soffitto, unico e spettacolare, opera del Vasari, racconta la vita di Cosimo de’ Medici e nella parte sud si può ammirare l’importantissima opera di Michelangelo Il Genio della Vittoria.

firenze-palazzo-vecchio

Chiesa di Santa Croce

La Chiesa di Santa Croce era il luogo prediletto d’incontro fra scienziati, umanisti e teologi che contribuirono, tra il medioevo e il rinascimento, a creare l’identità di Firenze. Foscolo la definì il tempio delle glorie, perché accoglie le tombe di Galileo, Michelangelo, Alfieri, Machiavelli e dello stesso Foscolo, oltre a molte altre personalità. Al fondo compare, in tutto il suo splendore, la Cappella Maggiore, in stile gotico francese, completamente affrescata da Agnolo Gaddi.

firenze-chiesa-santa-croce

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *