Weekend a Zagabria, una città sorprendente

Weekend fuori porta? Zagabria è l'ideale, l'elegante capitale croata sarà una vera sorpresa

La Croazia è famosa per lo splendido mare, ma non c’è solo quello: con un’anima un po’ mitteleuropea e un po’ mediterranea la sua capitale, Zagabria, è una città charmante, giovane e frizzante. Il modo migliore per scoprirla è passeggiare tra le vie della Città Vecchia, bere un bicchiere in un bistrot cool e andare alla ricerca dei musei e dei parchi migliori. Vediamo quali sono.

Il museo nostalgico

Quando una storia d’amore finisce lascia dietro se una lunga serie di ricordi, ma anche biglietti, peluche, fotografie. Buttarli non è così facile, ma puoi spedirli al Museo delle storie d’amore finite di Zagabria, che custodisce oltre mille cimeli di relazioni naufragate, inviati da innamorati dal cuore spezzato di tutto il mondo. Ogni oggetto è una storia, triste o divertente, di tradimenti, abbandoni, separazioni in cui è facile immedesimarsi. Inoltre, soprende scroprire che, in tutto il mondo, gli oggetti che suggellano una relazione sono sempre gli stessi, a parte qualche rara eccezione: l’ascia utilizzata da un innamorato tradito per distruggere casa o lo specchietto retrovisore divelto da una moglie tradita all’auto del marito fedifrago. All’ingresso è possibile chiedere il libretto con la descrizione di tutti gli oggetti tradotto in italiano.

La collezione naif

Zagabria offre il meglio dell’arte naif, la corrente pittorica che in quella che una volta era la Jugoslavia ha avuto maggiore sviluppo. Nel cuore della Città Vecchia è possibile visitare il Museo d’arte naif, un piccolo museo che non impone sfinenti percorsi tra folle e sale, e permette di godere con calma dei dettagli e della ricchezza dei dipinti. Sono presenti le opere di artisti celebri, come Ivan Generalic, e di artisti meno noti, ed è possibile scoprire momenti e paesaggi di una vita contadina di cui, ormai, non c’è più traccia.

Il parco dei sogni

A Zagabria c’è un cuore verde, in grado di cancellare i rumori del traffico e della vita frenetica: si tratta del Parco Maksimir, che può essere raggiunto in tram o in autobus, dove passeggiare o pedalare (è presente un noleggio di biciclette) tra boschi con querce secolari, prati immensi e tre laghi. Esperienza indimenticabile in qualsiasi periodo dell’anno: spettacolari sfumature del foliage in autunno, manti innevati in inverno, prati fioriti in primavera e distese verdissime in estate. Per i bambini c’è persino un piccolo zoo con foche, leoni marini, lontre e piranha.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *