Cinque buone abitudini per una coppia felice

La routine non è per forza nemica dell'amore: le buone abitudini possono addirittura rinsaldare il rapporto

Dopo i primi mesi (per le più fortunate i primi anni) di amore tutto scintille, sorprese e dichiarazioni, il rapporto di coppia va di gran carriera verso la routine e la principessa innamorata del principe azzurro che è in noi, rischia di scontrarsi con una realtà che della favola ha ben poco. Eppure, la normalità e le abitudini non sono sempre negative; quelle adatte possono essere esattamente ciò che serve per rafforzare la coppia e favorire l’amore e la sua quotidiana manifestazione; ecco allora le cinque buone abitudini delle coppie felici.

Svegliarsi presto e…

Quando pensate alla mattina insieme al partner immaginate un grande letto ed un piumone caldo sotto il quale dormicchiare abbracciati mentre fuori fa freddo? Vi state perdendo molto, perché il vero segreto di una coppia felice è il sapersi ritagliare momenti di intimità e di confronto anche durante le normali giornate, ricche di impegni e con poco tempo a disposizione. Il momento ideale è al mattino, quando le preoccupazioni del giorno ancora non sono arrivate a rovinare l’atmosfera e la città al di là delle finestre dorme dandovi la sensazione di essere gli unici al mondo. Basta puntare la sveglia un po’ prima e godersi il tempo guadagnato per parlare, scambiarsi tenerezze, accordarsi per la serata e ricaricarsi con un po’ di coccole prima di ripartire.

…fare colazione insieme

Un caffè al volo (e poi di corsa in ufficio), senza nemmeno il tempo di mangiare qualcosa mentre l’altro si sta ancora vestendo, è il modo peggiore per cominciare la giornata. Probabilmente non avrete modo di rivedervi fino a sera e l’idea di pranzare insieme è solo un miraggio, quindi la colazione potrebbe essere il vostro unico pasto insieme. Mangiare con il partner almeno una volta al giorno è importantissimo: è un momento di relax, di condivisione e quando entrambi vi impegnate nella preparazione del tavolo e degli alimenti, anche se sembra banale, il lavorare insieme, come una squadra, cementa il rapporto. Vogliamo poi parlare delle colazioni a letto? Devono essere un classico per voi, almeno nei giorni importanti (il compleanno, l’anniversario): una piccola attenzione che non costa nulla, ma fa tantissimo.

Scriversi durante il giorno

Sembra un’abitudine da ragazzini, ma scriversi e “messaggiarsi” durante il giorno è buona norma anche dai trent’anni in su; nulla è più piacevole del sapere che il partner sta pensando a noi anche nel bel mezzo di una intensa giornata di lavoro. Bastano poche parole, un saluto al volo, la proposta di incontrarsi per un aperitivo fuori prima di rientrare; l’unica regola è il rispetto per l’attività dell’altro: i messaggi sono meno invasivi di una telefonata e possono essere mandati senza il timore di interrompere una riunione; inoltre, a differenza delle email, non richiedono l’uso di device aziendali e quindi non comportano il rischio di una ramanzina (vanno ovviamente inviati sul telefono personale) e, anche nel caso in cui sul lavoro sia vietato usare lo smartphone, il messaggio potrà essere letto durante la prima pausa. L’importante è non aspettarsi una risposta immediata e non avviare una vera e propria conversazione; quella sì, sarebbe un disturbo inutile.

Spegnere la tv

Passare la serata davanti alla tv, magari accoccolati uno vicino all’altra è piacevole ed infonde sicurezza, ma non è quello che serve per mantenere accesa la scintilla; assorti nelle immagini siete passivi e anche se siete affiancati non stabilite alcun contatto emotivo tra voi. Meglio allora ridurre gli appuntamenti con il tubo catodico e dedicare una o due serate ad un’attività che vi unisca davvero; quale sta a voi sceglierlo in base alla vostra indole e ai gusti: un corso da seguire insieme (meglio ancora se si tratta di una disciplina nella quale nessuno dei due è un esperto), una cena a tarda ora a lume di candela. Spaziare e usare l’inventiva, questo è il segreto.

Camminare insieme

Camminare fa bene e non solo al fisico; per la psiche è un vero toccasana anche perché favorisce la distensione e permette al pensiero di svilupparsi e muoversi libero, anche al di fuori degli schemi tradizionali. Non di rado, chi corre o cammina spesso nota che proprio durante queste attività riesce a trovare la soluzione a problemi che lo angustiavano da tempo. Perché non sfruttare le proprietà della camminata anche nel rapporto di coppia e prendere l’abitudine di far due passi insieme al partner? Mantenendo un’andatura moderata, potrete approfittarne per chiacchierare e, perché no, chiarirvi dopo un piccolo battibecco. L’aria aperta, il movimento, la sensazione di benessere che proverete aiuteranno a mantenere i basso il tono della conversazione e a stemperare eventuali tensioni. Per chi è bene allenato, anche una bella corsa può essere utile allo scopo, perché stimola al confronto e al miglioramento. Attenzione però a non esagerare e a non trasformare la seduta sportiva di coppia in una gara, specie se il livello di forma non è lo stesso per entrambi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *