Se lui dimentica l’anniversario: vendetta o perdono?

Dimenticare l'anniversario è uno dei più grandi affronti che un uomo possa farci. Ecco come reagire

Noi donne siamo spesso la personificazione del romanticismo: sogniamo una vita da favola, il principe azzurro, una relazione in cui il corteggiamento duri per sempre. Vorremmo che lui tornasse dal lavoro con un mazzo di fiori ed una scatola di cioccolatini per il suo “amore”, che ci dicesse ogni giorno quanto ci ama e come siamo belle e che festeggiasse ogni piccola ricorrenza legata alla nostra storia come se avesse appena vinto i mondiali di calcio.

Invece no. Dopo un idilliaco inizio, chi più chi meno, dobbiamo rassegnarci alla fine di quelle che, per la metà maschile del mondo, sono solo smancerie e che vengono riservate ad alcuni momenti particolari e rigorosamente al riparo da occhi indiscreti: non sia mai che qualcuno lo veda mentre vi tiene per mano, ne andrebbe della sua virilità. In genere, con le nostre belle fette di prosciutto a forma di cuore sugli occhi, facciamo buon viso a cattivo gioco: in fondo, nei momenti importanti lui c’è, sappiamo che ci ama e, a modo suo, ce lo dimostra. C’è però una cosa che proprio non possiamo sopportare, che ci manda “in bestia” e accende in noi voglia di vendetta, quando non un istinto omicida rivolto a tutto quanto lui ha di più caro (PlayStation, Fantacalcio, biglietti per la finale della Champions League): ad un certo punto, lui dimentica l’anniversario.

Uomini senza memoria

Se una donna dimentica che il mercoledì sera c’è la partita, rischia di essere sottoposta ad un’estenuante sequela di recriminazioni su quanto sia poco attenta agli interessi del compagno; quando è lui a cancellare la memoria e a farlo su una cosa per noi fondamentale come un anniversario, il mondo intero corre in suo soccorso. Basta fare un giro sul web per trovare una serie di incredibili ricerche scientifiche, teorie psicologiche e addirittura vere e proprie patologie (qualcuno parla espressamente di ADHD, cioè di sindrome da deficit di attenzione) che mirano a giustificare il povero smemorato.

Pare che gli uomini scordino tutto per natura: Jostein Holmes, a capo di un team di ricercatori norvegesi, ha pubblicato un paio di anni fa uno studio secondo il quale i nostri cari compagni trovano difficoltà nel ricordare date e nomi. La ricerca, però, non riesce a spiegare il motivo di questo difetto di fabbricazione o ci dice perché, pur non ricordando il nome di nostra madre o il giorno in cui lo abbiamo incontrato, lui riesca però a snocciolare in tre secondi netti la formazione della sua squadra del cuore completa di riserve (e di impronunciabili nomi stranieri) e a ricordare perfettamente tutti gli incontri di calendario di questo e dei precedenti dieci campionati o i nomi di tutti gli Hobbit e l’intera cronologia della vicenda narrata ne Il signore degli Anelli.

Come reagire

Arrabbiarsi o meno per una dimenticanza di questo tipo è una scelta personale: non esiste un “concilio supremo delle donne” che vi potrà biasimare se decidete di lasciar correre e, come sempre accade, assumerete il ruolo della parte matura e adulta della coppia. Certo, prima di reagire vendendogli a tradimento quei cd a tiratura extra limitata cui tiene tantissimo, è il caso di riflettere e porsi qualche domanda.

Innanzitutto, cosa ha dimenticato? Se ad essere rimosso è il compleanno di vostra madre o il giorno in cui vi siete tenuti per mano la prima volta, è il caso di soprassedere, se non altro per regalare a voi stesse l’opportunità di non apparire infantili e superficiali. Se invece dimentica proprio il vostro anniversario (o il vostro compleanno), dovete passare alla seconda fase di questo autotest e chiedervi se lui sa quanto questo conti per voi. Se avete detto più volte e con noncuranza che a voi queste cose non interessano, se siete le prime a non festeggiare i suoi compleanni, non potete certo aspettarvi i fuochi d’artificio.

Come con i bambini

La prima cosa da fare con uno smemorato settoriale è rinfrescargli la memoria e controllare che si sia appuntato la cosa, un po’ come si fa con i bambini ai quali è necessario controllare il diario di scuola. Al bando le allusioni sottili (lasciare qua e là riviste che parlano di anniversari o informarlo en passant di quanto vi piacerebbe ricevere quella cosa in regalo alla prima occasione), che non hanno quasi mai l’effetto sperato. Piuttosto ricordate apertamente la data accennando a come potreste festeggiare con qualcosa di carino e romantico o all’emozione che provate all’idea di raggiungere con lui questo nuovo traguardo. Se anche così non ottenete reazioni, passate alle maniere forti: prendete il suo smartphone, aprite il calendario e inserite tutte le ricorrenze importanti, non lesinando su avvisi email, pop-up e tutte le opzioni di notifica più rumorose.

La più dolce vendetta

Se i vostri sforzi non hanno avuto successo e lui è comunque l’uomo della vostra vita, anche se con questo piccolo unico difetto, la migliore vendetta è il festeggiamento; se nonostante tutto lui scorda l’anniversario, non commettete l’errore di gettare la spugna e non festeggiarlo. Anzi, organizzate qualcosa di incredibilmente romantico e grandioso, capace di lasciarlo a bocca aperta e, se siete proprio cattive, farlo sentire un po’ in colpa per la mancanza. Quando vedrà quanto vi siete prodigate e quanto davvero è importante per voi, ci penserà due volte prima di “scordarlo” di nuovo o, nel peggiore dei casi, correrà ai ripari anche se con un po’ di ritardo.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *