Problemi di coppia: tutti i lati positivi e negativi del tradimento

La psicoterapeuta Maria Rita Parsi sostiene che il matrimonio si basi sull'infedeltà. Ma è vero? Ecco tutti i lati positivi e negativi del tradimento

In tutte le coppie capitano dei momenti di crisi, in cui alcuni decidono di risolvere i loro problemi parlando con il proprio partner, comunicando all’altra persona quali sono i propri stati d’animo e le proprie emozioni, alcuni, addirittura, ricorrono a delle terapie di coppia. Alcune coppie, invece, non ne parlano tra loro, lasciando che i problemi si accumulino, e magari cedono alle avances di qualcun altro, oppure decidono di compensare la “sofferenza” con il tradimento. Tra incontri occasionali e amori proibiti nati in ufficio o in altri luoghi in cui si va senza il partner, c’è chi addirittura cerca l’amante su internet, come dimostra il sito web Gleeden, il primo sito d’incontri interamente dedicato alle donne sposate o impegnate, che desiderano avere un amante.

Una recente analisi dimostra che il 30% delle coppie sposate da 15 anni non ha più rapporti intimi, ed il livello di passione nella coppia è pari a zero. Pare che tradire durante i momenti di crisi sia un beneficio sia per la propria serenità fisica che per il proprio benessere psicologico. La psicoterapeuta Maria Rita Parsi, dopo molti anni a contatto con diverse coppie in crisi, ha affermato che “il matrimonio si basa sull’infedeltà”, suscitando lo stupore delle persone più conservatrici e tradizionali. La dottoressa Parsi ha dimostrato che molti coniugi trovano l’equilibrio proprio grazie al tradimento, come se si attivasse una sorta di compensazione nel traditore, che cerca ciò che non ottiene dal suo matrimonio, o dalla sua relazione ufficiale, e lo trova nella figura dell’amante. Si dice che gli uomini tradiscano per una sorta di spirito d’avventura, perché amano sperimentare novità, mentre le donne tradiscano per sentirsi più desiderate. Ma quali sono tutti i lati positivi e negativi di avere l’amante? Ecco tutte le considerazioni in merito a questa scottante faccenda.

I lati positivi

Tra i lati positivi di avere l’amante si trova innanzitutto quella sensazione di sentirsi desiderate, che purtroppo molto spesso, dopo anni di relazione o matrimonio, viene a mancare. Il corteggiamento, gli sguardi, il batticuore e tutte quelle emozioni tipiche dell’inizio dell’amore, si possono ritrovare nelle relazioni extraconiugali. Metteteci anche un pizzico di adrenalina e paura di essere scoperti, e avrete una bella dose di vita: molte donne, infatti, ammettono che uno, se non, forse, il motivo principale per cui tradiscono il marito è che l’amante le fa sentire vive. La routine quotidiana, i problemi legati alle spese economiche e alla crescita dei figli, molto spesso, contribuiscono a spegnere la vita di coppia, e si cerca un altro modo per riaccendere la passione, e anche un’altra persona con cui farlo.

I lati negativi

Il lato negativo per eccellenza dell’avere l’amante è il senso di colpa nei confronti del marito/fidanzato. Anche l’essere sempre in tensione per cercare di evitare di fare gaffe ed essere scoperte fa sì che avere un amante ha dei lati negativi. Un altro contro sull’avere l’amante è se quest’ultimo si innamora, se non si ha l’intenzione di lasciare il partner ufficiale, non solo si mentirà ad una persona ma ben a due, rischiando di far soffrire entrambi. Inoltre, se l’uomo con cui si tradisce il proprio uomo si innamora della traditrice potrebbe essere lui stesso a rivelare l’esistenza della relazione di infedeltà al marito/fidanzato.

Avere un amante ha i suoi lati positivi e negativi, sicuramente ogni scelta ha una conseguenza, quindi se si decide di essere infedeli sarebbe corretto, per lo meno, prendersi le proprie responsabilità, sia nei confronti dell’amante che nei confronti del proprio partner, a cui, non bisogna mai di dimenticare, si sta dicendo bugie. A voi la scelta.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *