I migliori prodotti per sbiancare i denti

Avere i denti bianchi conferisce un aspetto del tutto particolare e ammaliante al sorriso: quali sono i migliori prodotti per avere sempre denti perfetti?

Recita un proverbio giapponese: “Un sorriso è come uno spazzolino. Devi usarlo spesso per mantenere i denti puliti”. E per un sorriso bello e accattivante sappiamo bene che una dentatura pulita è il top.

Ma come fare per sbiancare i denti e avere, di conseguenza, un bel sorriso? Anzitutto è necessaria una precisazione: denti sbiancati non vuol dire denti siano sani; è sempre bene avere un’ottima igiene orale perché tutta la bocca stia bene e quindi che anche il sorriso sia smagliante. Inoltre, prima di recarsi dal dentista per lo sbiancamento dei denti o affidarsi a qualche rimedio naturale, è importante sapere che ci sono degli alimenti che possono compromettere il candore dei denti: per esempio i denti possono essere macchiati dal caffè, dai tannini contenuti nel vino rosso, dai frutti di bosco, come anche dall’acido presente nelle bevande gassate o dai coloranti che si trovano in dolci e caramelle; e ancora possono macchiare i denti il curry, il tè, la salsa di soia, il tabacco. E aggiungiamo anche che delle ombre sullo smalto dei denti possono essere causate anche dalla clorexidina presente nei composti per fare sciacqui disinfettanti. Per evitare macchie ai denti di origine alimentare è bene moderare l’assunzione di quel tipo di cibo e, comunque, sciacquare la bocca dopo averli mangiati e, se possibile, lavarsi i denti con lo spazzolino.

Una raccomandazione: è bene rivolgersi sempre al dentista per lo sbiancamento dei denti, anche se si decide di usare prodotti in casa. Il dentista, infatti, potrà fornirvi le migliori indicazioni anche in base alla vostra dentizione e alla salute del vostro cavo orale.

Lo sbiancamento dei denti dal dentista

Rivolgersi al dentista per lo sbiancamento dei denti è la soluzione migliore, perché si risparmia tempo (anche se economicamente è più impegnativo) e si ha un risultato migliore.

Il dentista, dopo aver pulito i denti con i metodi classici (rimozione di placca con un forte getto d’acqua o con gli strumenti a ultrasuoni) e poi averli lucidati (con una pasta lucidante apposita), può procedere allo sbiancamento dei denti con il laser (si applica un gel a base di perossido di idrogeno sullo smalto e se ne ottimizza la penetrazione nei denti con il laser) o con lampade a led (processo simile a quello del laser, solo che si usano lampade led). Lo sbiancamento dei denti dal dentista dà ottimi risultati fin dalla prima seduta e poi con il passare del tempo migliora.

I prodotti per sbiancare i denti

Per chi volesse procedere allo sbiancamento dei denti fai da te, in commercio trova diversi prodotti: strisce con gente sbiancante, dentifrici ad azione abrasiva, mascherine, penne sbiancanti per giungere al bicarbonato di sodio e all’acido malico.

Le paste abrasive alla lunga possono causare danni allo smalto, per cui consigliamo di non abusarne, mentre un buon compromesso tra costo e risultati è rappresentato dalle strisce sbiancanti con perossido di ossigeno che vanno applicate quotidianamente.

Il bicarbonato di sodio è un metodo pratico: se ne mette un po’ sullo spazzolino, si bagna con qualche goccia d’acqua e poi ci si lava i denti, avendo cura di sciacquarsi per bene tutto il cavo orale alla fine. Altro metodo naturale e senza rischi è quello di strofinarsi sui denti una foglia di salvia fresca (la salvia è anche alla base di molti dentifrici commerciali).

Infine, suggeriamo una maschera dentale all’acido malico, che è più semplice da fare che da dire. L’acido malico, infatti, è particolarmente abbondante nelle fragole che potete usare in questo modo: schiacciate una fragola e stendete la polpa sui denti per almeno cinque minuti. Poi sciacquate. Questo trattamento è da usare con attenzione e al massimo due volte a settimana, altrimenti si rischia di avere l’effetto contrario, cioè di macchiare i denti con troppo acido.

In ogni caso, ripetiamo che è di fondamentale importanza rivolgersi al proprio dentista di fiducia per consigli approfonditi.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *