I segreti per avere un alito fresco e profumato

L'alito fresco e profumato è un ottimo biglietto da visita: ponendo attenzione all'igiene orale, a quel che mangiamo e beviamo possiamo avere sempre un alito profumato. Ecco come

L’alito cattivo o pesante, detto anche alitosi, è un problema per chi ce l’ha ma anche per chi vive nell’ambiente circostante e a volte può diventare un problema sociale che crea imbarazzo a chi ne soffre e a chi lo subisce.

L’alito cattivo può colpire persone di qualunque genere ed età, anche se spesso il problema si presenta più frequentemente con l’aumentare degli anni. Stando ai dati, sembra che il 25% della popolazione soffra di alito pesante e per il 6% si tratta di un problema permanente. Secondo il professor Mark Wolff, Direttore di odontoiatria operativa alla State University of New York: Circa il 75% dei casi di alitosi ha origine nel cavo orale. Altre cause includono problemi gastrici, sinusiti o malattie gengivali. Tra le varie cause dell’alito cattivo possiamo annoverare una scarsa igiene orale o delle malattie del cavo orale, fattori esterni come il cibo o le bevande, ma anche l’uso di dentiere non ben pulite; possono contribuire ad avere un alito cattivo le tonsille, varie infezioni del tratto respiratorio, la secchezza delle fauci e anche malattie come il diabete, la sinusite e la malattie gastrointestinali.

Mantenere un alito fresco e profumato è possibile, a patto di seguire alcuni accorgimenti, semplici ma fondamentali. Parliamo di alito pesante o cattivo in situazioni “normali”; se l’alitosi dipende da altri motivazioni, è bene attenersi a quanto consiglia il vostro medico o il dentista.

Accurata igiene orale

Come abbiamo visto, tra i principali motivi dell’alito cattivo c’è un’igiene orale poco curata. Per avere sempre un alito profumato, quindi, la prima cosa da fare è quella di usare quotidianamente lo spazzolino da denti e il filo interdentale: con il primo si eliminano placca e batteri, con il secondo si tolgono i residui di cibo che lo spazzolino non può riesce a eliminare. Inoltre è importante tenere pulita la lingua, spazzolandola per rimuovere i batteri che attaccano la papille gustative.

Molto utile è fare sciacqui con un collutorio, avendo cura di sceglierne uno senza alcol in modo da aver la bocca sempre umida. Inoltre masticare gomme (senza zucchero e che contengono xilitolo) aumenta la salivazione e aiuta a rimuovere i batteri; nel caso in cui non si possa masticare la gomma per disturbi articolari e muscolari, si può scegliere un gel per l’alito allo xilitolo.

Naturalmente, è di fondamentale importanza andare regolarmente dal dentista per un controllo della bocca e una perfetta igiene orale.

L’alito cattivo si cura anche a tavola

Una corretta alimentazione può aiutare ad avere l’alito profumato. Per prima cosa può essere utile seguire una dieta a basso tasso di carboidrati in modo da avere un equilibrato apporto di grassi e proteine. Se si mangiano troppi grassi, infatti, nello stomaco si creano i chetoni che fermentano nello stomaco e il loro odore può risalire lungo l’esofago e attaccare la lingua. Abbondate quindi con le verdure verdi, che fanno bene sotto molti punti di vista, non solo per l’alito.

Quando avete voglia di fare uno spuntino scegliete una mela, del sedano, delle carote o, comunque, alimenti sani e croccanti: il cibo duro e croccante, infatti, agisce come un naturale spazzolino per i denti. Infine, assumete dei probiotici che contengono enzimi utili ad evitare la fermentazione dei cibi nello stomaco.

L’importanza di bere sano per un alito profumato

L’acqua è tra le migliori alleate per un alito fresco: oltre a lubrificare la bocca, infatti, tiene a bada i batteri e favorisce le corrette funzioni di tutto il nostro organismo. Bisogna berne almeno un litro al giorno ed evitare, invece, le bibite gassate e dolcificate, la soda e anche il caffè. Utile può essere l’assunzione di succo di verdure verdi, che ha un basso livello di acido.

Altri consigli per avere l’alito profumato

Inutile girarci intorno: se fumate, avrete sempre l’alito cattivo. Il fumo, infatti, asciuga la bocca e i tessuti del corpo e la nicotina stringe i vasi sanguigni: in tal modo la salivazione non sarà mai corretta e l’alito cattivo è una certezza. Se volete avere un alito sempre profumato, non fumate!

Altri rimedi per l’alito cattivo possono essere quelli di masticare delle foglie di menta fresca o anche del prezzemolo: la prima renderà l’alito più fresco, il secondo impedirà la creazione dei solfati, grazie alla clorofilla, che sono causa di odori spiacevoli. Tenete presente che non dovete saziarvi di queste foglie, ma assumerle saltuariamente e, in ogni caso, è bene parlarne prima con il proprio medico curante.

Ultimo suggerimento per un alito fresco è quello di applicare un lip-gloss aromatizzato che potrà essere di aiuto a mascherare il cattivo odore proveniente dalla bocca fino a quando non sarà possibile lavarsi i denti e usare il filo interdentale: è solo un palliativo, ma in caso di emergenza può essere utile.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *