Tre segreti efficaci per pulire il forno

Pulire il forno vi sembra faticoso? Seguite questi tre consigli (segreti) e renderete la pulizia più semplice

Il forno è uno degli elettrodomestici che si tende a non pulire ad ogni utilizzo, specialmente per l’altezza scomoda in cui è posizionato o per la mancanza di tempo.

Spesso si rimanda la pulizia e, ad ogni infornata, lo sporco tende a incrostarsi sempre di più. È normale che durante la cottura delle pietanze un po’ di olio o il composto di una torta schizzi sulle pareti o il fondo del forno, bruciandosi, incrostandosi ed emandando odore di bruciato. La pulizia non è delle più semplici e ci vuole spesso olio di gomito se si vuole evitare di ricorrere a prodotti chimici. Questi ultimi, infatti, potrebbero contaminare il cibo se non usati con le giuste precauzioni. È possibile rimettere a lucido il forno, grazie agli ingredienti che si trovano in tutte le case e senza acquistare nuovi detergenti, seguendo questi tre segreti.

Rendete morbido lo sporco più resistente con l’aceto

Prima di tutto è necessario ammorbidire le incrostazioni in modo da facilitarne la rimozione e, per farlo, non c’è miglior cosa del vapore. Mettete una grande pentola colma d’acqua sul fuoco e portatela ad ebollizione. Una volta raggiunta la temperatura aggiungete un bicchiere d’aceto, dalle proprietà sgrassanti, e collocate la pentola alla base del forno che avrete preriscaldato a 150 gradi. Attendete un’ora per far sì che il vapore sprigionato dalla pentola renda lo sporco più morbido e iniziate la pulizia vera e propria. Inumidite, quindi, un panno nella stessa soluzione di acqua e aceto utilizzata per i vapori (dopo averla fatta intiepidire). Con un po’ di pazienza, noterete come risulterà più semplice la pulizia ma, se vi trovate davanti a uno sporco resistente, strofinate anche la metà di un limone direttamente sull’incrostazione per farla sciogliere.

Utilizzate bicarbonato e sale per un forno che risplende

Per pulire lo sportello del forno, e farlo risplendere, armatevi di bicarbonato e sale. In una ciotola mischiate tre cucchiai di bicarbonato ad altrettanti di sale, aggiungete acqua e mescolate fino ad ottenere un composto denso ma lavorabile. A questo punto spargetelo sulla superficie del vetro, lasciate agire per 15-20 minuti e risciacquate con abbondante acqua tiepida. Dedicatevi ora alle griglie del forno e mettetele a bagno in acqua calda, nel caso siano molto sporche, oppure pulitele direttamente con acqua e detersivo per piatti. Come per l’interno del forno, ricordatevi si risciacquarle bene per evitare che rimangano residui di detergente.

Prevenite le incrostazioni con qualche trucco

Adesso che avete fatto risplendere il vostro forno, ricordatevi di pulirlo più frequentemente; se pulito, ad ogni utilizzo, sarà sufficiente una passata di spugna e detersivo per piatti. Se, invece, non avete il tempo di pulirlo ogni volta, qualche piccola accortezza vi eviterà il formarsi di troppe incrostazioni. Non usate teglie troppo piccole, bensì preferite pirofile ampie e dai bordi alti per evitare che i succhi di cottura schizzino eccessivamente al di fuori del tegame. Ponete un foglio di alluminio sul fondo del forno: con questo piccolo trucco vi basterà sostituire il foglio di alluminio per eliminare facilmente i residui di cibo bruciato.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *