L’arcipelago che compare nell’ultima emozionante scena di Star Wars esiste davvero

Se volete percorrere anche voi gli oltre seicento scalini che hanno condotto Rey al suo obiettivo, volate in Irlanda

Nell’ultima scena di Star Wars:Il Risveglio della Forza, il film che ha incassato più di 2 miliardi di dollari, compare uno spettacolare arcipelago, lontano lontano, ubicato su un pianeta che non viene mai nominato, ma che sulla base della sceneggiatura, dovrebbe essere Ahch-To.

Stando attenti a non essere accusati, come i peggio spoiler, possiamo dire che, a bordo dell’astronave Millennium Falcon, la protagonista Rey ed il co-pilota Chewbacca, grazie ad una mappa, raggiungono proprio quel verdeggiante arcipelago, dopo aver scoperto che lì si nasconde da molti anni Luke Skywalker. A questo punto gli spettatori stritolano le mani del vicino, sputano caramelle gommose e quasi nitriscono, perché, finalmente, dopo due ore di film, possono sperare di vedere colui che dovrebbe essere il vero protagonista. Rey lo troverà? Riuscirà a convincerlo a tornare alla civiltà e aiutare la Resistenza? Non ve lo diciamo, perché siamo brave persone rispettabili.

Le scene girate su quell’ipotetico pianeta sono le più emozionanti ed apprezzabili, anche dal punto di vista tecnico. Ebbene, quell’ambientazione esiste, non è stata ricostruita ed è assolutamente visitabile. Si chiama Skellig Michael, si trova in Irlanda ed ospita un antico monastero, ormai disabitato. Le isole Skellig, non sono molto distanti dalla terraferma, circa 12 Km, si raggiungono comodamente in nave, pertendo da Valentia, da Portmagee o da Ballingskelligs.

Il luogo è al centro di moltissime leggende e parrebbe che lì sia sepolto il capostipite del popolo irlandese. Dal VI secolo d.C al XIII secolo d.C, l’isola, ospitò una comunità monastica. Skellig Michael, dal 1996, è stata inserita nei Patrimoni dell’umanità dell’Unesco. L’account YouTube di Tourism Ireland, vi darà ulteriori informazioni. Cappuccio, spade luminose e gambe in spalla: vi attendono ben seicento gradini, resti dell’antico monastero.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *