Ascoltare buona musica durante i pasti aiuta a dimagrire. Ecco perché

L'udito incide sui nostri comportamenti alimentari. Ecco come è possibile

Uno studio condotto presso l’Università di Oxford, ha dimostrato che per perdere i chili di troppo, oltre a mangiare meno e meglio, lo si può fare ascoltando buona musica di sottofondo.

Pare, infatti, che l’udito incida sui nostri comportamenti alimentari. La musica modifica la percezione del cibo, ma soprattutto, distrae il commensale dal pasto servito a tavola. Come ridurre gli zuccheri assunti? Ascoltando musica ricca di note acute; esse fanno aumentare del 10% la percezione della dolcezza e della salinità presenti nei cibi, ciò avviene grazie all’effetto sonic seasoning: il risultato è l’abbandono di cibi troppo dolci o troppo salati che notoriamente ci fanno moltiplicare. Importante è anche il volume di ascolto: è da evitare assolutamente l’effetto discoteca. Infatti, pare che un suono troppo alto riesca a provocare l’aumento della sensazione di fame. Siamo consapevoli che possa sembrare paradossale, ma non più della dieta che impone di mangiare per sette giorni consecutivi solo ed esclusivamente zuppa di cavolo, che per l’appunto, porta un nome eloquente: dieta del cavolo.

Provare non costa nulla! Evitate, però, canzoni che vi ricordino momenti poco felici altrimenti la tendenza all’autoconsolazione, vi rovinerà i piani.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *