Attentato rivendicato dall’Isis a Giacarta, Indonesia

7 morti, di cui 5 attentatori e diversi feriti nella capitale dell'Indonesia. L'attacco a Giarta ha una dinamica simile a quello parigino

A soli due giorni dall’esplosione a Istanbul, c’è stato un nuovo attentato terroristico, a Giacarta in Indonesia.

L’attacco è avvenuto con dinamiche simili a quello parigino: sei esplosioni in rapida successione. Tutto è successo alle 10.30 di mattina (ora locale) in uno dei quartieri più importati dal punto di vista politico e finanziario; Thamrin Street è, infatti, sede di molte ambasciate straniere, ma non solo, lì si trova anche la sede delle Nazioni Unite. Le prime tre esplosioni sono state registrate davanti ad un locale Starbucks. Tre attentatori sono stati neutralizzati, dunque uccisi dalle forze dell’ordine indonesiane nel corso di una sparatoria, mentre gli altri due sono morti da Kamikaze, facendosi esplodere davanti ad un centro commerciale, vicino ai posti di blocco della polizia.

Oltre ai 5 attentatori, tra le vittime ci sono 2 civili ma non sono state ancora rese note le loro nazionalità. Secondo indiscrezioni sembrerebbe che ad agire sia stato un commando di ben 14 uomini. Ricordiamo che l’Indonesia è il Paese musulmano più popolato al mondo; sul territorio opera Jemaah Islamiyah, il gruppo terroristico islamico che ha come obiettivo la costituzione di uno Stato islamico nel sud est asiatico. Parrebbe, invece che, l’attentato, sia già stato rivendicato dall’Isis.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *