L’evoluzione della silhouette di Barbie: da oggi è Curvy

Mattel lancia tre nuove silhouette per la bambola icona di stile più famosa del mondo, Barbie: alta, piccola e bassina e curvy. "È necessaria una visione più ampia della bellezza"

“È necessaria una visione più ampia della bellezza” e così Mattel, la mamma della bambola più famosa del mondo, decide di compiere una vera e propria rivoluzione: la Barbie, gambe lunghe, vitino da vespa e curve al punto giusto, da oggi cambia e diventa più bassa e formosa, curvy nel linguaggio attuale.

Un gran bel cambiamento per Barbara Millicent Roberts, che da sempre è considerata il modello di donna perfetta, un modello che sempre di più sembra difficile eguagliare. Fin da quel lontano 9 marzo del 1959, data in cui è nata la bambola più famosa del mondo, Barbie ha rappresentato un modello di bellezza universale. Di evoluzioni la biondissima Barbie ne ha fatte davvero molte, ma mai era arrivata ad essere curvy, ad assumere caratteristiche così realistiche. Criticata da molti, ma lodata in tutto il mondo, Barbie rappresenta il giocattolo femminile più acquistato al mondo e un tale cambiamento non può che rappresentare un messaggio positivo per tutte le bambine.

barbie-curvy-original

Riteniamo di avere nei confronti delle bambine e dei genitori la responsabilità di riflettere una visione più ampia della bellezza. Io ho tre bambine e so che c’è una connessione emotiva con la bambola perché le bambine giocano con Barbie anche per immaginare quello che diventeranno. Ci si fanno le storie. Barbie è stata al passo con i tempi ed è per questo che è sempre stata la fashion doll numero 1 e un’icona a livello globale. Siamo entusiasti di lanciare queste nuove bambole. La varietà di silhouette di tonalità della carnagione e di stili permette ad ogni bambina di trovare una bambola che la rappresenti.

Afferma la vicepresidente e direttrice generale di Barbie, Evelyn Mazzocco. Tuttavia, lanciare una Barbie del genere è anche un rischio. Barbie per 57 anni ha rappresentato un modello di bellezza e questa è un’evoluzione azzardata, infatti, tra i tanti commenti di approvazione al lancio della nuova silhouette di Barbie, che è avvenuto anche tramite la pagina ufficiale della bambola su Facebook, ne emergono alcuni in disaccordo con la nuova scelta aziendale, poiché troppo affezionati alla classica versione.

barbie-curvy-bassa-alta-evoluzione

Ma c’è di più, infatti, ella nuova silhouette di Barbie emerge nuovamente l’impronta femminista di Mattel, che realizza una bambola al passo con i tempi e che è in grado di abbattere ogni tipo di barriera, come d’altronde aveva già fatto in passato.

La Barbie è sempre stato un modo per le bambine di vedere il loro futuro. Barbie ha dato voce alle pari opportunità per la prima volta come dirigente d’azienda nel 1985. È stata la prima a viaggiare nello spazio nel 1965, quattro anni prima che l’uomo camminasse sulla luna, e si è candidata alla presidenza per sei volte dal 1992. Le sue bambole impersonano 180 carriere professionali.

Afferma Kristina Duncan, vicepresidente marketing communications, a proposito del Progetto Alba, questo è il nome di questo progetto che vede la proposte di tre nuove silhouette di Barbie: alta, bassa e piccolina e curvy.

barbie-curvy-bassa-alta

Il progetto è rimasto segreto fino ad oggi, 28 gennaio 2016, data da segnare sul calendario come una nuova vincita per le donne comuni, quelle che non hanno gambe chilometriche e che, magari, hanno qualche chilo in più.

barbie-curvy-time

“E adesso la smetterete di parlare del mio corpo?”, una frase provocatoria quella pubblicata sul Time. Ma forse bisognerebbe smettere di parlare in generale del corpo delle donne e non solo quello di Barbie, poiché una donna è bella sempre, a prescindere dalla sua silhouette.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *