Golden Globes 2016: il trionfo di Leonardo DiCaprio

A fine febbraio, nella cerimonia di assegnazione degli Oscar, scopriremo se finalmente anche lui potrà alzare la sua prima statuina, meritatissima, foss'anche per la pazienzia

Alle 2 di questa notte (ora italiana) è iniziata la 73esima edizione dei Golden Globes.

La cena di gala si è tenuta al Beverly Hilton Hotel di Beverly Hills, Los Angeles, in California. Ennio Morricone, vince il suo terzo Golden Globe per la miglior colonna sonora, composta per il film di Quentin Tarantino The Hateful Eight. Il premio come miglior film l’ha ottenuto Sopravvissuto. The Martian di Ridley Scott, che è stato curiosamente catalogato come “commedia”, il miglior attore protagonista di commedia è dunque Matt Damon. La miglior attrice protagonista di commedia è Jennifer Lawrence per il film Joy, la miglior attrice non protagonista, invece Kate Winslet per il film dedicato alla vita di Steve Jobs, che ha vinto anche il premio per la migliore sceneggiatura. Il miglior film d’animazione è Inside Out. Il miglior film drammatico è Revenant e Brie Larson, protagonista, vince il premio come miglior attrice protagonista di film drammatico, il suo regista, Alejandro Gonzalez Inarritu, quello come miglior regista in assoluto.

Dopo questa lunga e per alcuni noiosa carrellata, vi sarete accorti che non abbiamo menzionato chi sia il vincitore del premio come miglior attore protagonista di film drammatico. Vi chiedo di sedervi con una bustina di zucchero a portata di mano, grazie. Ieri sera, bella come sempre, Julianne Moore, in un magnifico lungo nero, si è avvicinata al microfono e, con tutta l’enfasi possibile, ha pronunciato queste parole: Il premio come miglior attore protagonista va a Leonardo DiCaprio. Sì, Leonardo DiCaprio forse e dico forse, vincerà un Oscar, la cerimonia di assegnazione si terrà il 28 febbraio.

Tutto è iniziato nel 1994 e Leonardo aveva 19 anni, era una bella nottata californiana, tutti ben vestiti e seduti ad eleganti tavoli rotondi, a DiCaprio venne fregata da sotto il naso la prima di molte statuine. Nel 1997 Leonardo non venne nemmeno nominato come miglior attore nel film La stanza di Marvin. Poi giunse la più grande delusione in assoluto: Titanic. Il film vinse 11 premi Oscar, a Leonardo spettò solo la morte per assideramento e la compassione del mondo intero. Nemmeno con The Aviator nel 2003, riuscì a portarsi a casa quel maledettissimo soprammobile dorato ed il meritato riconoscimento. Quand’ecco che, nel 2014, con il film The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese, sembrava giunto il momento tanto atteso. Adrenalina, sete di potere, amoralità, divinizzazione del denaro, gusto della sopraffazione e Lui che interpretava Jordan Belfort, divinamente, ma nulla da fare.

Oggi, dopo anni ed anni di insoddisfatte attese, Leonardo DiCaprio ha quasi e dico quasi la certezza di vincere il suo primo Oscar. Attendiamo impazienti la fine di febbraio per vederlo finalmente alzare quella maledetta statuina.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *