Come superare un tradimento in sei tappe

L'esperienza del tradimento è tremenda e rischia di travolgere chi ne è vittima. Pur essendo i singoli casi differenti tra di loro, possiamo individuare alcune tappe per superare un tradimento in amore

Come continuare a fidarsi degli altri quando si è vissuto un tradimento dalla persona che si amava? È una domanda che molte persone, donne e uomini, si pongono al momento di fare i conti con un tradimento.

Il processo per superare un tradimento può essere molto difficile e lungo, soprattutto se si pensava che con il partner fosse tutto rose e fiori. Per alcune il tradimento può essere una delusione, molto forte, ma resta una delusione; per altre può diventare un vero e proprio evento traumatizzante che rischia di avere ripercussioni molto forti sulla vita di ogni giorno. Ed è qui che sorge spontanea la domanda: “Come continuare a fidarsi?” che poi si traduce in altre domande, magari non dette, tipo: “Cosa c’è di sbagliato in me?”; o ancora: “È colpa mia?”; per finire con l’affermazione: “Non mi innamorerò mai più!”.

Superare un tradimento è possibile: è un cammino diverso per ogni persona, ma possiamo identificare sei tappe per cercare di andare avanti.

Impara dall’esperienza

Guardare in faccia la realtà non è facile e, magari, non lo si vuole nemmeno fare; però è da tenere presente che ogni cosa ha un lato negativo e uno positivo. Tutto dipenderà da te, se vorrai vedere il lato negativo o quello positivo. Vivi la tegola che ti è caduta addosso, ma non farti travolgere da essa. Piangi per tutto il tempo che vuoi, ma poi alzati, asciugati le lacrime e con tutto quello che hai appreso inizia a muoverti di nuovo nel mondo.

Liberati dalle emozioni

Come detto prima, vivi il momento come ti senti di farlo: non preoccuparti del fatto che tu possa essere la piagnucolona del palazzo o l’arrabbiata inavvicinabile. Vivi il momento, lascia che l’arrabbiatura o la tristezza ti attraversino e trovino il modo di esprimersi: tutto questo ti aiuterà a riflettere su quanto accaduto.

Forse può essere utile scrivere quello che si sente (magari in un classico diario di carta, perché scrivere con la penna è terapeutico; inoltre se metti le tue riflessioni online rischi di non vivere le tue emozioni, ma di lasciarti condizionare da quello che ti suggeriscono altre persone): quando, passata la bufera, tornerai a leggere quello che hai scritto, ti renderai conto di quanto che hai imparato e di come hai superato i momenti difficili.

Le mille domande

Mai, e ripeto: mai, devi cadere nel tranello di provare a capire perché il tuo partner ti ha tradito. Quello che è fatto è fatto e niente e nessuno potrà cambiare quanto accaduto. Cercare di essere come Sherlock Holmes analizzando tutte le ragioni per cui è successo quel che è successo sarà solo un modo per farti male. Responsabile di un tradimento non è chi è tradito! Possono esserci delle concause, ma chi tradisce è il traditore, non chi è tradito.

Non ti addossare le colpe

Come detto prima, chi tradisce è il traditore, mentre chi viene tradita è la vittima. Non sei responsabile del fatto che il tuo partner ti ha tradito; se anche tu fossi stata motivo di incomprensione e frustrazione per lui, è sempre lui che si è andato a infilare in un altro letto: i problemi si possono risolvere e se non c’è la possibilità di farlo ci si lascia, da persone adulte. Scegliere di tradire è, appunto, una scelta e non la soluzione di un (eventuale) problema.

Parlarne fa bene

Condividere con un familiare o un’amica quello che si sta passando può esserti utile per alleviare la pressione, ma può anche essere di aiuto per altri: raccontando quanto sia stato frustrante per te, le difficoltà che hai incontrato e come le hai affrontato ti renderà da un lato più forte e dall’altro potrà essere occasione di confronto e di sostegno per altre persone che stanno passando il tuo stesso calvario.

Ricorda che parlare con un professionista del settore (uno psicologo, per esempio) è molto più liberatorio, perché può darti un consiglio distaccato e professionale.

Vai avanti

Sei una persona intelligente e sai che l’esperienza del tradimento, per quanto pesante, ti potrà essere di aiuto per andare avanti. Le cose migliorano e c’è vita dopo il tradimento. Fai piani per il futuro, cerca cose nuove e anche persone nuove o, se ti fa sentire più sicura, prova a tornare alla quotidianità della tua vita. Non avvizzirti in quel momento della tua vita che è stato il tradimento: domani è un nuovo giorno (e non lo dice solo Rossella O’Hara in Via col vento, è una realtà!)

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *