Dieta Plank: di che cosa si tratta? Come funziona?

La dieta plank è uno dei regimi alimentari per perdere peso più famosi. Ma come funziona?

La moda degli ultimi tempi è quella di seguire diete più o meno assurde trovate sul web, e dopo la Dukan (famosissima), quella che va per la maggiore è la dieta Plank.

La dieta Plank è famosissima in tutto il mondo ed è la versione moderna della classica dieta ipocalorica. Ma non solo, la dieta Plank è un regime anche iperproteico e molto restrittivo che promette di perdere fino a 9 kg in due settimane. Questo regime alimentare si basa sull’assunzione di proteine e di caffè (la caffeina è un drenante) ed esclude i carboidrati e gli zuccheri. La dieta Plank promette un cambio radicale del proprio metabolismo, ma è consigliato non seguirla per più di due settimane poiché potrebbe danneggiare la salute.

Come funziona la dieta Plank?

Questo regime alimentare prevede l’assunzione prevalentemente di proteine animali, in particolar modo della carne rossa, mentre pesce, carne bianca, uova e formaggio (solo quello svizzero perché più magro), solo una volta a settimana. Sono concesse le verdure, ma solo ed esclusivamente insalata, spinaci, pomodori e carote. I condimenti si limitano a qualche cucchiaino di olio extra vergine d’oliva e al limone, mentre sale e zucchero sono vietati. I carboidrati sono previsti in piccolissime dosi, solo quattro volte a settimana (la mattina), e una volta a settimana è concesso uno yogurt magro e della frutta. Inoltre, solo una sera a settimana, si consiglia la domenica, è concesso mangiare ciò che si vuole. Con la dieta Plank gli alimenti non si pesano, ma si consiglia di limitare i condimenti.

E il mantenimento?

Dopo due settimane è consigliato cambiare regime alimentare, ma, ovviamente, non si deve tornare a mangiare come prima, altrimenti si recupereranno tutti i chili persi. Per un mantenimento della forma fisica è consigliato bere tanta acqua, limitare i superalcolici, mangiare frutta lontano dai pasti, introdurre i legumi una volta a settimana, preferire la i carboidrati in farina integrale o kamut, e mangiare più carne bianca e pesce magro.

Controindicazioni

La dieta Plank è assolutamente sconsigliata a chi ha i valori alti del colesterolo LDL, detto colesterolo “cattivo”, poiché gli alimenti previsti da questo regime alimentare possiedono un alto contenuto di colesterolo. Inoltre, la dieta Plank è sconsigliata ai diabetici, ai cardiopatici, a chi soffre di pressione alta e soprattutto alle donne in gravidanza. Essendo una dieta ipocalorica in cui si assumono veramente pochissime calorie, è vivamente sconsigliata a chi fa molta attività fisica, sia a livello agonistico che personale, e a chi fa un lavoro faticoso, in quanto potrebbe provocare molta stanchezza e spossatezza. Prima di cimentarsi in un regime alimentare simile sarebbe meglio consultare il proprio medico.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *