Suicida in diretta su Periscope, l’annuncio e poi la tragedia

Una diciannovenne annuncia in diretta il folle gesto e tra lo sgomento di chi era in diretta si butta sotto un treno

L’annuncio in diretta sul noto sito Periscope, la denuncia di uno stupro, dal quale probabilmente la ragazza non si era mai ripresa ed alla base di questa tragica decisione, di farla finita. Succede anche questo nell’era di internet, chi era in diretta in quel momento sul suo canale ci ha provato a fermarla, avvisando anche le autorità, ma martedì, alle 16.30, una ragazza francese di cui non facciamo il nome si è buttata sotto un treno della Rer.

Il video è stato subito rimosso da Periscope, ma sembra che una copia sia ancora in circolazione su YouTube. In ogni caso ne sconsigliamo la visione, soprattutto ai più giovani, come fatto dalla stessa ragazza negli attimi precedenti il gesto. Ha chiesto ai più piccoli di non proseguire nella visione, poi il buio, ed infine i sanitari che ne constatano le condizioni, è tutto ciò che si vede nel filmato.

A rendere ufficiale l’accaduto sono state fonti giudiziarie di Parigi, che si spera indagheranno anche sul fatto criminoso alla base di questa tragica decisione, uno stupro subito da parte di una persona, di cui la ragazza ha ben pensato di fare nome e cognome prima di salutare per l’ultima volta il mondo. E nel video lo conferma anche, il suo addio non è un semplice pretesto per far scalpore, ma una protesta, per sensibilizzare le ragazze che come lei sono state vittime di stupri a reagire, a denunciare e non soffrire in silenzio. Purtroppo i più giovani sono anche i più deboli, ancor peggio quando tali atti vengono compiuti da persone conosciute. Pensano spesso di aver fatto qualcosa di sbagliato, ma sono assolutamente vittime, a cui va data giustizia e che vanno protette in ogni modo possibile. C’è bisogno di informazione, per riuscire a comunicare a tutti che tali crimini, ovvero gli stupri, vanno denunciati e non subiti passivamente. I genitori devono compiere il loro compito di genitori e capire i propri figli, un cambio di umore, di personalità, di atteggiamento, non deve essere sottovalutato ma si deve sempre indagare per capire se alla base di questi cambi non ci sia qualche problema reale di cui il proprio figlio non riesce a parlare. Ma anche gli amici, più vicini dei genitori, qualora a conoscenza di un fatto così grave, dovrebbero comunicarlo ad un adulto, per far sì che non si giunga a decisioni ancor più tragiche come quella maturata nella mente volubile, indifesa, debole, come quella di una minorenne, la minorenne che martedì ci ha lasciati per sempre.

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *